La legge del 27 dicembre 2006 n. 296, ha innalzato da 8 a 10 anni l'obbligatorietà dell'istruzione, finalizzata a consentire il conseguimento di un titolo di studio di scuola secondaria superiore o di una qualifica professionale di durata almeno triennale entro il diciottesimo anno di età.

Dopo il primo ciclo di studi, in uscita dalla scuola media gli studenti dovranno accedere ad un percorso di istruzione liceale, tecnica o professionale di 5 anni per conseguire un diploma di istruzione secondaria superiore, o ad un percorso di istruzione e formazione professionale di 3 anni per conseguire una qualifica professionale regionale riconosciuta a
livello nazionale ed europeo. È possibile, inoltre, conseguire una qualifica professionale all'interno di un percorso di apprendistato, a cui si può accedere solo con l'obbligo scolastico assolto (e cioè con 10 anni di istruzione e 16 anni di età).

I Centri per l'Impiego provvedono alla convocazione di coloro che, dopo aver assolto l'obbligo scolastico, hanno comunicato l'intenzione di abbandonare gli studi o hanno cessato di frequentare la scuola o le attività formative, al fine di supportare l'utente nella elaborazione di un efficace progetto di scelta.