Il 20 novembre 2014 è stata organizzata la seconda edizione del National Transfer Seminar del progetto SEEMORE "Buone Pratiche di Mobilità Sostenibile nelle località turistiche". La prima edizione del seminario si era tenuta a novembre 2013 con riscontri molto positivi da parte delle località invitate e degli stakeholder coinvolti. 

Quest'anno sono stati invitati a condividere la loro esperienze i comuni di Cesena, Ravenna, Bellaria Igea Marina e Misano Adriatico. Forlì Mobilità Integrata, azienda del comune di Forlì, già area target del progetto SEEMORE, ha presentato gli sviluppi del servizio di bike sharing "Mi Muovo". Erano presenti anche i comuni di Cesenatico, Gatteo e San Mauro Pascoli, l'agenzia di mobilità ATR e il gestore del trasporto pubblico Start Romagna.

Dopo gli interventi introduttivi di presentazione del progetto SEEMORE e una breve panoramica su turismo e mobilità sostenibile in Italia, il seminario è entrato nel vivo con una serie di presentazioni molto interessanti da parte dei comuni invitati. Al termine degli interventi si è dato avvio ad una discussione sulle tematiche affrontate. I principali punti di convergenza sono stati i seguenti:

  • è necessario lavorare maggiormente e meglio sulla comunicazione delle azioni di mobilità sostenibile messe in atto;

  • per promuovere la mobilità sostenibile non si deve parlare di mobilità lenta ma di mobilità attiva;

  • è utile lavorare in sinergia: mobilità e turismo e anche altri settori (pianificazione strategica, sanità, cultura, ecc.) devono lavorare insieme;

  • mezzi e informazioni sulla mobilità sono poco accoglienti in alcune città. È necessario far comprendere in modo facile e chiaro a chi arriva come potersi spostare senza auto e mettere a disposizione mezzi di trasporto in buono stato;

  • i gestori del trasporto ferroviario sono i grandi assenti di SEEMORE e dell'offerta di mobilità sostenibile. C'è carenza di informazioni sull'offerta ferroviaria sia a livello regionale che nazionale. Il turismo su rotaia non viene agevolato. In alcune località costiere, come Misano Adriatico, non ci sono neppure le biglietterie ferroviarie. Laddove i servizi esistono, non vengono pubblicizzati adeguatamente;

  • la segnaletica stradale turistica è scarsa e poco chiara, va notevolmente migliorata;

  • esistono due tipi di inquinamento: quello atmosferico e quello volumetrico. I veicoli elettrici contribuiscono purtroppo al secondo, quindi di solito non sono ammessi nelle zone pedonali o a traffico limitato (a meno che non siano adibiti al trasporto merci).

Visualizza il programma della giornata:

Scarica le presentazioni:

Il progetto SEEMORE

Turismo e mobilità sostenibile in Italia

Forlì Mobilità Integrata

Comune di Cesena

Comune di Ravenna

Comune di Bellaria Igea Marina

Comune di Misano Adriatico